Caldaie a condensazione: detrazioni 2017

News on 19 Jan , 2017

E’ una buona notizia quelle che arriva dalla legge di bilancio del 2017, che prevede la proroga per tutto l’intero anno, delle detrazioni già in vigore gli anni precedenti per chi procede alla sostituzione di una vecchia caldaia tradizionale con una a condensazione. Le detrazioni in questione rientrano in due tipologie, quelle per le ristrutturazioni e quelle per gli interventi di riqualificazione energetica.

Le detrazioni destinate alle ristrutturazioni hanno una aliquota de 50%, è cioè possibile scalare dai redditi IRPEF il 50% di quello che si è speso per l’intervento stesso, sia se eseguito nelle parti comuni di interi condomini, sia nelle singole unità abitative. Il massimo detraibile è di 96.000 Euro.

Le detrazioni destinate alle riqualificazioni energetiche prevedono delle condizioni più vantaggiose, che sono comunque le stesse in vigore gli anni passati. L’aliquota prevista è infatti del 65%, ed è applicabile sia a ciò che si è speso per l’acquisto della caldaia in sé e relativa installazione e smaltimento della vecchia caldaia, sia a quello che si è eventualmente speso per la rimodernazione dell’intero impianto di riscaldamento.

Per quanto riguarda i tetti massimi di detrazione, vi sono chiaramente differenze a seconda se si considera la singola unità abitativa o le parti comuni di un intero condominio. Nel primo caso l tetto previsto è di 30.000 Euro. Nel secondo caso l’ammontare è dato dal numero di unità abitative del condominio moltiplicato per 40.000 Euro. Nel caso dei condomini è anche possibile, ad intervento eseguito, “cedere” la detrazione all’azienda che ha effettuato i lavori o a privati.

E’ bene precisare che sia le detrazioni per le ristrutturazioni, che quelle per le riqualificazioni energetiche, si estendono a molteplici tipologie di intervento, non essendo certo limitate alle sole caldaia a condensazione. Interventi che possono ad esempio andare dall’installazione di una pompa di calore all’isolamento termico di un immobile.

Un approfondimento a quanto qui detto è disponibile nell’articolo “Detrazioni 2015 per le caldaie a condensazione“, essendo le norme che regolano le detrazioni rimaste in pratica uguali in questi tre anni.